Genitori e Figli

EMOZIONI: se le conosci non le eviti!

Le emozioni ci accompagnano costantemente, alternandosi e mescolandosi, mentre affrontiamo e superiamo ogni evento della vita.

 

Comprendere il nostro stato emotivo in tutte le sue sfumature ci rende persone in grado di affrontare gli eventi della vita senza esserne travolte.

 

Insegnare ai bambini a dare un nome alle emozioni che provano li aiuterà ad accettarle a non averne timore quindi a controllarle nel miglior modo possibile. Con questa consapevolezza saranno in grado di apprezzare i numerosi sentimenti che potranno nascere dalle  diverse esperienze di vita.

 

Tutti vorrebbero essere felici e come genitori un obiettivo è sicuramente la gioia dei figli. Per provare sempre più spesso un senso di gioia e serenità è indispensabile riconoscere e saper sperimentare tutte le emozioni: positive e negative.

 

Le emozioni fondamentali sono quattro: Gioia, Rabbia, Paura e Tristezza.

 

Tutte le altre sono combinazioni di queste emozioni fondamentali, così come i colori in tutte le loro sfumature, derivano dalle combinazioni dei colori primari: rosso, giallo e blu.

 

I bambini piccoli esprimono spontaneamente le loro emozioni ma spesso lo fanno con una tale forza (soprattutto la rabbia) da sorprendere i genitori lasciandoli inermi o scatenando in loro altrettante emozioni forti che co-stringono la relazione genitore figlio in un momento di scontro e frustrazione.

 

L’aiuto dei genitori e degli educatori ha lo scopo di insegnare ai bambini che crescere vuol dire anche imparare ad armonizzare la propria vita emotiva e le sue manifestazioni con l’ambiente sociale, trovando maniere costruttive per sfogare le energie che i sentimenti producono.

 

Se i bambini riusciranno o meno a trovare il giusto equilibrio nel manifestare e vivere le emozioni dipenderà dalla guida e dall’esempio che riceveranno dai loro genitori.

 

Ogni emozione svolge una funzione importante:

  • La RABBIA ci aiuta a difenderci. Rappresenta l’istinto che ci spinge a lottare per la libertà e l’autoconservazione.
  • La PAURA ci aiuta a evitare di correre grossi rischi, a essere prudenti, a riflettere a evitare il pericolo.
  • La TRISTEZZA è indispensabile per mitigare la sofferenza della perdita. Grazie alla tristezza è possibile sfogare il dolore e staccarci dagli eventi dolorosi ritrovando a poco a poco il contatto con la vita.
  • La GIOIA è ciò che proviamo quando il senso di libertà, di incolumità e il contatto con la vita sono soddisfatte.

 

L’aspetto delle cose varia secondo le emozioni; e così noi vediamo magia e bellezza in loro, ma, in realtà, magia e bellezza sono in noi.
(Khalil Gibran)

 

Grazie per aver letto l’articolo. Se ti è piaciuto, condividilo con gli amici oppure metti un semplice like.

 

Seguimi sulla mia pagina facebook: PsicologiaPerVivereMeglio

 

Se desideri contattarmi clicca qui

 

Articoli che potrebbero interessarti:

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...